Pagina 2 di 3

Re: Le proporzioni

MessaggioInviato: 07/11/2012, 0:28
da emilio
Ciao a tutti
e che ne pensate della "vitalità" di una mosca? Non è forse più stimolante una mosca finta "viva" che una mosca perfettamente in proporzione ma "immobile" ? Pertanto aggiungo che a volte la scelta dei materiali che rendono facilmente "viva" , "mobile " e "ben visibile "la nostra mosca al pescatore e al pesce sia altrettanto utile
emilio

Re: Le proporzioni

MessaggioInviato: 07/11/2012, 10:26
da webmaster
Ciao Emilio
Sicuramente la vitalità dell'imitazione in certe situazioni conta, arrivando ad essere determinante; peraltro non è necessariamente data attraverso i materiali con i quali è costruita la mosca, ma può anche essere impressa dall'azione del pescatore.

Re: Le proporzioni

MessaggioInviato: 08/11/2012, 7:51
da Pietro Lucchini
Bell' argomento!! Esistono artificiali votati ad un utilizzo cinetico che ben si prestano a brevi recuperi e pattinamenti indotti dal pescatore.
Credo che in questi casi la loro struttura ( atta a farli resistere alla trazione senza invitarli ad un prematuro affondamento ) abbia un'importanza maggiore rispetto a caratteristiche come l'imitatività o un preciso cromatismo..
Ciò non toglie che anche mosche da passata "liscia" più o meno tradizionalmente intese possano nella loro immobilità dare un'idea di movimento e vita, entrano in gioco altri aspetti come trasparenze, densità della disposizione dei materiali, capacità di rifrangere la luce ecc..
A volte mosche non propriamente "standard" come rispetto delle proporzioni riescono ad apparire un po' più "peperine" di altre, a patto di rispettare gli equilibri fondamentali.
Mi viene in mente la "refracta" di W. Bygent che ad imitazione delle trasparenze dell'ala di un effimera prevedeva l'utilizzo di una lunghisima e rada hackle di gallo grizzly avvolta tra le spire di quella di sostegno, proprio con l'intento di riflettere la luce..

Re: Le proporzioni

MessaggioInviato: 23/11/2012, 16:16
da Montesi
quanto affermi federico non fa una piega, però aggiungerei un'altra cosa che ritengo importante e cioè il comportamento durante il lancio.
Ci sono, secondo me, dei montaggi che facilitano il lancio, in particolare quelli che rallentano leggermente la mosca senza peraltro determinare rotazioni e che agevolano la posa curva, anche in profondità nei sottoriva infrascati, e la precisione nella posa. un esempio è la mosca che c'è accanto al tuo nome , sempre che il ciuffetto bianco venga fatto rispettando i criteri di lasciarsi attraversare facilmente dall'aria e evitando sbilanciamenti. credo che si possa definire un'ottima mosca da caccia perchè permette di arrivare in punti difficili da raggiungere. naturalmente credo che molti pam abbiano montaggi con queste peculiarità che vanno bene con mosche imitative adatte per la bollata. ritengo questo argomento molto interessante e un pò sottovalutato. in effetti è molto difficile prendere un pesce se non si riesce a posare la mosca nella zona di caccia del pesce e senza rallentare il dragaggio. certo che il finale ed un buon allenamento nei vari tipi lancio sono importanti ed è anche vero che accade che il pesce si sposti molto per prendere la mosca, ma credo che molte volte sia proprio la mosca ed il suo comportamento durante il lancio a fare la differenza, sei d'accordo?

Re: Le proporzioni

MessaggioInviato: 25/11/2012, 12:16
da fiorenzo.mussi
Non mi sono mai posto il problema che esistano mosche che facilitino o meno il lancio. Sarebbe un argomento interessante da dibattere, alla fine potremmo arrivare a liste di mosche lanciabili, mosche lanciabili con difficoltà, mosche adatte a solo certi tipi di lancio, mosche inlanciabili. Ho detto potremmo, non potremo. Ogni mosca, qualunque sia la sua forma e la proporzione di costruzione, durante il lancio ruota su se stessa torcendo il finale. Si può minimizzare l'effetto, anche eliminarlo, ma sicuramente a scapito della presentazione perchè dovremmo intervenire sulla forma della mosca rendendola simmetrica rispetto al suo asse principale e sulla rigidezza torsionale del finale con risultati orribili.

Re: Le proporzioni

MessaggioInviato: 25/11/2012, 15:52
da Montesi
ciao fiorenzo, scusami se dico che la tua risposta è un pò superficiale, credo che quella più giusta sia : "caro saputone (io), tu affermi che con certi montaggi di imitazioni i lanci sono molto più precisi e controllabili e quindi efficaci, perchè ad uno dei tanti incontri di pam (fiere, ecc) non ne porti qualcuna così possiamo verificare se quanto dici sono stupidaggini o no?" scusami ancora ma a me piace parlare chiaro e avverto una certa diffidenza nei miei confronti probabilmente come retaggio di una guerra che, ci tengo a dire, io non ho mai combattuto, anche perchè quella personale che dovevo sostenere era molto più reale e difficile da rendere le ostilità tra sim e slm incomprensibili e ridicole ai miei occhi. il mio è stato solo un tentativo di riallacciare dei legami con amici che avevo e che ancora considero tali anche se al mio ritorno nel mondo della pam mi sono trovato in uno schieramento piuttosto che nell'altro. tranquillo fiorenzo ti lascio in pace. un saluto a tutti

Re: Le proporzioni

MessaggioInviato: 25/11/2012, 21:47
da Lucio Santoni
Ci leggiamo sull'altro 3d??
Lucio

Re: Le proporzioni

MessaggioInviato: 26/11/2012, 8:15
da webmaster
Montesi,
Sinceramente non riesco a leggere nè astio, nè tantomeno diffidenza nei tuoi confronti da parte di nessuno. A me sembra che Fiorenzo abbia espresso un parere, tutto qui.
Sei il benvenuto in questo forum, come chiunque e per cortesia non tiriamo in ballo le guerre, perchè nulla hanno a che vedere con lo spirito di questo sito.
Grazie

Re: Le proporzioni

MessaggioInviato: 26/11/2012, 8:53
da dariob
Sposo in toto l'intervento del Webmaster. Giordano, come gia' scritto in altro 3d, è per me/noi un vero piacere leggerti...continua ad intervenire. I tuoi scritti, condivisi o no, sono comunque sempre intersessanti, come interessanti sono gli spunti che da essi derivano.
Ciao
Dario

Re: Le proporzioni

MessaggioInviato: 26/11/2012, 11:40
da fiorenzo.mussi
Ribadisco il concetto, non mi sono mai posto il problema dell'associazione della forma e dimensione della mosca relativamente alla facilità o difficoltà di lanciarla. Parlo delle nostre mosche classiche, quelle che normalmente usiamo per pescare trote e temoli nei nostri fiumi. Ovviamente escludo le grosse e pesanti mosche che uso per i salmoni del Pacifico, le uniche strane che ho mai usato. Continuo a pensare che sia interessante riuscire a determinare se esistano dei presupposti di questo tipo per valutare certe mosche. Di sicuro c'è un collegamento tra dimensione della mosca e diametro del finale, dimensione della mosca e lancio controvento anziché in favore di vento. Però, alla fine, dobbiamo fare i conti con il pesce, che decide lui qual'è la mosca che gli va di assalire, che decide lui in quale punto farlo, sempre relativamente alla nostra posizione dalla quale dobbiamo effettuare il lancio; in pratica, quasi sempre decide il pesce che mosca dobbiamo usare e che lancio dobbiamo effettuare.
Intendo dire esattamente quanto ho scritto, senza ritrascrizioni interpretative.